26 Lug
  • Da Felice Moscato
  • 284 Views
  • 0 Commenti

Centro Nazionale Sangue: Consultazione plenaria maggio 2023

Il 31 maggio 2023 si è tenuta una consultazione plenaria alla presenza di Presidenti nazionali e regionali delle Associazioni e Federazioni di donatori di sangue, i Direttori delle Strutture Regionali di Coordinamento e i rappresentanti delle società scientifiche di settore, del Centro Nazionale Sangue e del Ministero della Salute. Nel suo ambito sono stati illustrati e discussi i dati di raccolta e utilizzo di globuli rossi e plasma relativi all’anno 2022 e i dati parziali dell’anno in corso. Sono stati poi affrontati vari temi, dalle progettualità a livello nazionale e internazionale che hanno coinvolto il sistema sangue italiano, fino alla campagna per la promozione del dono ideata in collaborazione con il Ministero della Salute.

I DATI

Su una popolazione italiana di 58.983.122 abitanti, i donatori si attestano a quota 1.657.033 (/ 1.000 pop: 28,2‰) di cui è possibile stabilire che i donatori maschi costituiscono il 66,6%, mentre le donatrici il 33,4%. Dell’intera popolazione si registra inoltre che alla prima donazione si sono affacciati ben 280.821 persone (16,9%) mentre i cd. donatori periodici o frequenti” sono stati 605.861.

Riguardo invece i dati sulle aferesi, ossia quella procedura che permette di donare solo un componente del sangue (plasma e piastrine) si attesta che siano state 201.601 (12,1 % del totale), mentre, coloro che hanno donato solo in regime di aferesi sono stati 106.781.

Passando ai dati donazionali, possiamo dire che le donazioni totali sono state 2.982.624 (/1.000 pop: 50,7‰) suddivise in sangue intero 2.555.886,  aferesi 426.738. L’indice di donazione raggiunto è stato di 1,8.

LE TRASFUSIONI E I PAZIENTI

Su 2.485.068 di unità di globuli rossi, sono stati trasfusi ben 2.393.798 e prodotti ben 842.949 Kg di plasma per uso clinico e industriale. Ricordiamo sempre che il plasma è un elemento importante tanto quanto il sangue. Il suo uso, applicato anche a livello farmaceutico, consente la produzione di farmaci che per la loro qualità sono definiti “salva-vita”.

Agglomerati tutti questi dati possiamo registrare una quota davvero importate: i pazienti trasfusi  sono stati 639.003 / anno. Un numero che raggiunge i 1.750 pazienti al giorno.

La nostra rete trasfusionale, articolata in 276 Servizi Trasfusionali con 827 Articolazioni organizzative e 186 Unità di raccolta articolate in 1.285 organizzative ha però delle sofferenze che ci portano a qualche riflessione.

Dobbiamo subito dire che il buon cuore dei donatori non è mai venuto meno ma purtroppo il nostro sistema, soprattutto in alcuni periodi dell’anno si trova in maggiore affanno. La pandemia di certo ha dimostrato la forza della nostra rete ospedaliera, ma ne ha anche reso maggiormente visibili alcuni aspetti. Dai dati confrontati dal 2011 al 2022, vediamo come la popolazione dei donatori continua a scendere. L’obiettivo principale rimane sempre quello di riuscire a mantenere l’autosufficienza di sangue, ossia la capacità per il sistema di colmare ogni bisogno ospedaliero attraverso le proprie donazioni. Purtroppo lo stesso non si può dire riguardo il plasma per il quale l’Italia è costretto a reperirlo attraverso altri canali per soddisfare le proprie esigenze.

Ricordiamo sempre che la donazione è un gesto sicuro e che può consentire il miglioramento della vita di molti pazienti e la possibilità, alle volte unica, di poter salvare la loro vita. L’estate è da sempre un periodo di difficoltà e di grandi mancanze per il Sistema Trasfusionale. Prenota la tua donazione prima di andare in vacanza!

POST TAGS:
    Not Tags