10 Feb
  • Da Felice Moscato
  • 245 Views
  • 0 Commenti

Conferenza Stampa al Senato: “Il dono del sangue e degli emocomponenti: verso un nuovo programma di autosufficienza”

Si svolgerà domani, venerdì 11 febbraio, presso la Sala Caduti di Nassirya del Senato, dalle ore 11.00, la conferenza stampa “Il dono del sangue e degli emocomponenti: verso un nuovo programma di autosufficienza”, organizzata su iniziativa della Sen. Annamaria Parente, Presidente XII Commissione Igiene e Sanità. La conferenza sarà l’occasione per presentare il numero speciale del “Noi in FIDAS” dedicato alla pubblicazione degli Atti del Convegno svoltosi ad Aosta il 24 settembre, in occasione del 59° Congresso Nazionale FIDAS.

Secondo FIDAS è necessario ed urgente confrontarsi con tutti gli attori del Sistema Trasfusionale, per lavorare a possibili soluzioni capaci di migliorare l’attuale situazione. A tal fine lo scorso 24 settembre, in occasione del proprio 59° Congresso Nazionale, FIDAS ha realizzato una Tavola Rotonda nella quale ha coinvolto i diversi attori protagonisti del Sistema Trasfusionale italiano per un momento di incontro e confronto. Dal Convegno, aperto dalla Senatrice Annamaria Parente, Presidente XII Commissione Igiene e Sanità, è nato il documento che sarà presentato durante la conferenza stampa di domani.

La Senatrice Annamaria Parente e FIDAS Nazionale auspicano che il testo possa offrire interessanti spunti di riflessione in merito alle criticità che attualmente vive il Sistema, al fine di evidenziare possibili modalità di miglioramento a beneficio di tutti i pazienti e dei professionisti coinvolti.

Il Presidente Nazionale FIDAS, Giovanni Musso, pone l’attenzione su quanto sia urgente occuparsi del tema: «Il Sistema Trasfusionale italiano con la pandemia ha dimostrato grande capacità di adattamento, dettata soprattutto dal senso del dovere che medici, infermieri, personale sanitario, così come i tanti volontari delle associazioni del dono hanno reso pratico, recependo prontamente nuove modalità organizzative al fine di evitare la diffusione del Covid-19. Il senso del dovere e la consapevolezza dell’importanza che la donazione di sangue ed emocomponenti hanno per molti pazienti, tuttavia non si sono dimostrati sufficienti per evitare una crisi del Sistema e questo sta portando gravi conseguenze: sono circa 7.000 i pazienti talassemici presenti in Italia e molti di loro in queste settimane, in diverse Regioni d’Italia, stanno riscontrando difficoltà nel ricevere la propria terapia. Tre trasfusioni ogni tre settimane, è quanto dovrebbero ricevere, una terapia che purtroppo, ad oggi, non è garantita in tutte le latitudini della Penisola».

Il Sistema Trasfusionale è uno dei pilastri della sanità italiana: senza il dono di sangue e degli emocomponenti non è possibile effettuare trapianti (basti pensare che per un trapianto di fegato sono necessarie fino a 40 unità di sangue); non è possibile produrre farmaci salva-vita per diverse patologie, dalle immunodeficienze primitive alle neuropatie disimmuni; non è possibile aprire le sale operatorie per effettuare interventi chirurgici. I pazienti sottoposti a trattamenti chemioterapici o che presentano malattie emorragiche, necessitano di donazioni di piastrine, mentre i gravi ustionati ed i pazienti affetti da tumore del fegato, necessitano di donazioni di plasma. Per tutti loro FIDAS, la Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue, chiede un’attenzione maggiore da parte delle Istituzioni a supporto del Sistema Trasfusionale italiano.

Gli Atti del Convegno saranno pubblicati sul sito fidas.it e presentano i contributi di: dott. Vincenzo De Angelis, Direttore Centro Nazionale Sangue; dott.ssa di Simonetta Pupella, Direttore Area Sanitaria e Sistemi Ispettivi – Centro Nazionale Sangue; dott. Fabio Candura Responsabile Settore Medicinali plasmaderivati – Centro Nazionale Sangue; dott. Angelo Ostuni, Presidente Società Italiana di Emaferesi e Manipolazione Cellulare SIdEM; dott. Francesco Fiorin, Presidente Società Italiana di Medicina Trasfusionale e Immunoematologia SIMTI; dott. Pasquale Colamartino, Coordinatore Tavolo tecnico della Sub Area Servizi trasfusionali della Conferenza delle Regioni e PP.AA. Struttura regionale di coordinamento per le attività trasfusionali Abruzzo; dott. Pierluigi Berti, Struttura regionale di coordinamento per le attività trasfusionali Valle d’Aosta Nuova Aggregazione Interregionale per la Plasmaderivazione NAIP; dott.ssa Vanda Randi, Struttura regionale di coordinamento per le attività trasfusionali Emilia Romagna Raggruppamento Interregionale Plasma e Plasmaderivati RIPP; Vincenzo Manzo, Presidente FRATRES Nazionale e Coordinatore pro-tempore CIVIS al momento del Convegno; Giovanni Musso, Presidente Nazionale FIDAS.

Sarà possibile assistere alla conferenza stampa da remoto, collegandosi ai canali social del Senato della Repubblica e di FIDAS Nazionale.